Io lavoro in..

Continua

I contenuti sono stati aggiornati in base alla tipologia tua attività

Il confit è una tecnica di conservazione e di cottura dei cibi che nasce in Francia. Conosciuto più comunemente come “oliocottura”, il confit consiste nell’immergere carne o pesce in olio o in grassi per tempi prolungati e con temperature comprese tra i 50° e i 70°C.  La difficoltà della cottura confit è quella di mantenere inalterate le temperature durante la cottura in modo da preservarne le proprietà organolettiche, i principi nutritivi ma anche la morbidezza e il gusto delle carni trattate.

Confit: vantaggi e svantaggi

Il vantaggio più evidente e importante della cottura confit è quello di preservare i principi nutritivi  nell’alimento cercando di applicare una cottura perfetta a pezzi di pesce o di carne; lo svantaggio maggiore invece è lo stabilire con precisione la temperatura di questa tecnica: è bene quindi munirsi sempre di un termometro penna o laser e controllare frequentemente le temperature.

Non solo carne o pesce: la cottura  confit si può utilizzare anche su altri tipi di alimenti come pomodori o  asparagi, oppure si può provare un metodo alternativo riducendo in pezzi  la carne, il pesce o le verdure  e immergendoli sottovuoto nell’olio, cuocendo il tutto a bassa temperatura.

Attenzione solo alla carne: necessitando di tempi più lunghi per la cottura rispetto al pesce o alle verdure, il consiglio è quello di marinarla sottovuoto con gli aromi in modo da intenerirla e permettere un a cottura più veloce nonostante la bassa temperatura.