Io lavoro in..

Continua

I contenuti sono stati aggiornati in base alla tipologia tua attività

Nell’immaginario mondiale l’Italia è universalmente riconosciuta come il paese dell’arte. Non solo per la ricchezza del patrimonio culturale e di bellezze artistiche presenti in ogni angolo della Penisola, ma più in generale per la creatività e l’estrosità e per quella ricerca del bello e del buono che ci caratterizza in ogni aspetto. Una definizione che si estende anche all’altrettanto ricca tradizione enogastronomica del nostro paese e, soprattutto, ai modi e alle forme come questa viene elaborata, proposta e consumata. Non a caso uno degli emblemi dell’italian style è rappresentato dall’aperitivo, inteso e ora riscoperto nel suo senso tradizionale di momento di consumo di una bevanda, accompagnata da uno stuzzichino, propedeutico al pasto. Un rito ben radicato nella nostra storia, all’insegna del relax e da godere in compagnia prima di abbandonarsi ai piaceri della tavola.

E al mondo dell’arte, guarda un po’ le coincidenze, si richiama una categoria di drink “made in Italy” che hanno fatto e continuano a fare la storia dell’aperitivo e la cui fama ha ben presto valicato i confini nazionali: gli sparkling cocktail. Drink, come il Bellini, il Rossini, il Puccini, che celebrano alcune figure del genio artistico italiano e che hanno come componente principale vini frizzanti come il prosecco, lo spumante o lo champagne.

Una storia che nasce a Venezia

La loro storia ha inizio a Venezia, città d’arte per eccellenza, e più precisamente all’Harry’s Bar, locale che ha scritto pagine fondamentali della miscelazione italiana. È qui che nel 1948 Giuseppe Cipriani crea il Bellini, il padre di questa tradizione, miscelando prosecco e una purea di pesca rigorosamente bianca, ottenendo un drink dal caratteristico colore rosato che gli ricordò il colore della toga di un santo in un dipinto del pittore veneziano Giovanni Bellini cui intitolò il cocktail.

«Un’intuizione geniale quella di miscelare frutta con prosecco e che si richiama, rielaborandola, all’usanza di bere vino con frutta, in particolare pesche, che troviamo in tutte le regioni italiane – spiega Paolo Sanna, bartender del Banana republic cafè di Roma -. Una formula vincente perché il risultato è un drink gustosissimo, composto di due soli ingredienti, che si è subito imposto a livello mondiale, divenendo un’icona della miscelazione italiana».

I “figli” del Bellini

Così come grandissimo successo hanno riscosso le varianti nate da questa formula ad opera di altri grandi bartender cresciuti alla scuola di Cipriani. Varianti che comprendono:

  • Puccini: uno dei drink più delicati nell’universo delle bollicine, ideato alla fine degli anni Quaranta da Renato Hausmann per i raffinati palati dei clienti del Hotel Posta di Cortina d’Ampezzo, e realizzato con champagne e succo di mandarino. Una versione “invernale” del Bellini che il barman dedicò al musicista Giacomo Puccini;
  • Rossini: una versione primaverile creata da Mirko Stocchetto con prosecco e purea di fragole fresche e intitolata al compositore Gioacchino Rossini;
  • Mimosa: con champagne e succo di arancia, un’altra versione invernale e che deve il suo nome al colore che ricorda quello giallo intenso dei fiori della pianta;
  • Tintoretto: con prosecco e succo di melograno, da gustare tra settembre e ottobre, quando maturano i frutti.   

«Capolavori che conquistano tutti i palati, per via della raffinata piacevolezza che nasce dall’incontro tra la freschezza e la dolcezza della frutta con l’effervescenza delle bollicine, andando a equilibrare l’acidità degli spumanti o del prosecco – commenta Sanna -. Un mix perfetto per l’aperitivo, ma da gustare rigorosamente secondo la stagionalità degli ingredienti, perché la freschezza e la qualità della frutta è fondamentale per il risultato finale».

Così come perfetti per questo momento sono altri capolavori della miscelazione italiana che rientrano nella categoria sparkling, quali:

  • Negroni sbagliato, altra grande creazione di Stocchetto, nata in un’affollata e calda serata dei primi anni Settanta al Bar Basso di Milano, quando il bartender per sbaglio miscelò del prosecco, al posto del gin, a vermouth e bitter dando vita a una versione più leggera e rinfrescante del grande classico;
  • Spritz: gloria nazionale di lunga tradizione la cui fortuna dal Veneto, dove affondano le sue origini, si è estesa a tutta Italia tanto da essere il drink di moda già negli anni Cinquanta, e che oggi troviamo anche nei bar di Londra e New York, le capitali mondiali della mixology.

Appetizer a regola d’arte

Raffinati e delicati, gli sparkling cocktail vanno abbinati a stuzzichini che permettano di apprezzarne in pieno tali caratteristiche.

«Una soluzione efficace è giocare sul contrasto tra il dolce del drink e il salato della proposta food, restando comunque sul semplice - spiega Sanna -. L’abbinamento a qualche salume non troppo stagionato è l’ideale, oltre che molto pratico. Per dare un tocco più ricercato si può pensare a una fetta di lonzino o di prosciutto di cervo, perfetta ad esempio con il Bellini. Al tempo stesso, i cocktail che contengono frutta fresca si accompagnano molto bene con formaggi giovani o a una caciottina.

«Salumi e formaggi, anche più stagionati, o qualche oliva taggiasca rappresentano una buona proposta per affiancare un Negroni sbagliato, ma possiamo andare anche su proposte come qualche tocco di polenta bianca rafferma, fritta e condita con il rosmarino», conclude Sanna.