Io lavoro in..

Continua

I contenuti sono stati aggiornati in base alla tipologia tua attività

Nuovi sapori, nuovi colori, nuove ricette

Riservare ai propri ospiti un’offerta stagionale permette di servire piatti più gustosi e profumati e contribuisce a trasmettere un’immagine di naturalità e salubrità. Agli occhi del cliente, infatti, un menù che varia in base alle stagioni è simbolo di freschezza e genuinità. La naturalità è senza dubbio uno dei grandi trend del momento.
L’utilizzo di prodotti di stagione poi offre un doppio vantaggio: da una parte permette di variare i cibi della dieta, dall’altra assicura migliori caratteristiche organolettiche e nutrizionali rispetto ai prodotti cresciuti in serra. La coltivazione in serra forza la fisiologia della pianta, con conseguenze avvertibili al palato. Chiunque abbia assaggiato una verdura raccolta nell’orto sa bene quale sia il vantaggio dell’assaporare un ortaggio o annusare un frutto a cui è stato lasciato il giusto tempo per maturare sulla pianta.

Frutta e verdura sono scrigni di vitamine, minerali e altri nutrienti. I prodotti di stagione, raccolti e consumati poco tempo dopo, conservano intatte queste preziose sostanze: sembra che la natura sia perfettamente sincronizzata per darci i nutrienti che ci servono, proprio quando sono più necessari.
Tra i frutti più ricchi di vitamina C ci sono gli agrumi e i kiwi che, guarda caso, maturano in inverno, quando le nostre difese immunitarie sono messe maggiormente alla prova dal maltempo. I frutti ricchi di betacarotene, come le albicocche, le pesche e i meloni maturano invece in estate, quando alla nostra pelle serve un aiuto in più per produrre la melanina che la difende dai raggi solari.
Non dimentichiamo inoltre che i prodotti di stagione sono generalmente molto più economici rispetto a quelli coltivati in serra.

Scarica il ricettario primaverile!

Scarica il ricettario primaverile!

Nel ricettario potrai trovare 5 diversi menu per soddisfare le diverse attese dei tuoi ospiti: dalla proposta vegetariana a quella senza glutine, da un menù più tradizionale ad uno gourmet ed infine un menu dedicato alla festa regina di questa stagione: la Pasqua

Scarica ora

Sei pronto per il cambio di stagione?

Cavolo

Cavolo

E’ una pianta tipicamente invernale che predilige, però, climi non eccessivamente rigidi. Il cavolo è una delle verdure più nutrienti e salutari che esistano: ricco di ferro, calcio, fibre, acidi grassi, vitamina A e C, ma anche di carotenoidi e flavonoidi, vanta proprietà antinfiammatorie, antiossidanti e disintossicanti.

Arancia

Arancia


E’ il frutto che caratterizza questo periodo, la sua maturazione avviene da novembre fino a primavera. L’arancia rappresenta un’importante fonte di vitamine: la C, la A e una larga parte di quelle del gruppo B. Ha proprietà antiossidanti, depurative, sedative ed è un’alleata della circolazione.

Rucola

Rucola

E’ un tipo di insalata quasi dimenticata per molto tempo e ora tornata molto popolare. Con il suo sapore amarognolo e piccante, in cucina trova svariati impieghi e abbinamenti. E’ una verdura facilmente reperibile nei primi mesi dell’anno, ha proprietà digestive, purificanti, ricostituenti e protettive.

Ravanello

Ravanello

E’ una radice dalla forma sferica o leggermente allungata. Ha una polpa bianca e croccante e un gusto leggermente piccante. Ne esistono diverse varietà che si differenziano per forma, colore e sapore.

Mele

Mele

Le varietà di mele sono tante e ci aiutano a variare i colori e i sapori della tavola in questi primi mesi dell’anno. Le mele sono ricchissime di pectina, una fibra alimentare che mantiene sotto controllo il livello di glicemia. Sono inoltre una buona fonte di vitamina C, quercitina (un flavonoide), fibre, azoto e fluoro.